La vie en temps de paix MOBI ´ La vie eBook Î

La vie en temps de paix (Littérature étrangère) La vida es una enfermedad de la materiaNunca he sido un lector que necesite sentirse identificado con los personajes de una novela, sin embargo, una parte no desde able del gran placer del que he disfrutado durante las dos semanas que he convivido con esta hermosa obra, ambiciosa, certera y sorprendente hay que tener en cuenta que es la primera de un autor de casi setenta a os se ha derivado de todo lo que he visto de m en este y por este personaje a veces antip tico y nada admirabLa vida es una enfermedad de la materiaNunca he sido un lector que necesite sentirse identificado con los personajes de una novela, sin embargo, una parte no desde able del gran placer del que he disfrutado durante las dos semanas que he convivido con esta hermosa obra, ambiciosa, certera y sorprendente hay que tener en cuenta que es la primera de un autor de casi setenta a os se ha derivado de todo lo que he visto de m en este y por este personaje a veces antip tico y nada admirable Bien es verdad que Ivo Brandani recuerda desde una edad algo mayor que la m a, que pertenece a una burgues a con segunda casa en la playa y hasta barquito en el puerto varios escalones econ micos y culturales por encima de mis or genes, que su juventud coincidi con mi idolatrada d cada de los sesenta y sus importantes movimientos sociales, pol ticos y art sticos que mis pantaloncitos cortos y la dictadura que tiranizaba mi pa s me impidi experimentar de primera mano Aun as , no me fue dif cil compartir experiencias, actitudes y disquisiciones con este derrotado hombre que siempre vivi en tiempos de pazSi se piensa bien, Tiempo de Paz signific , sobre todo, vacuna contra la polio, disponibilidad de energ a el ctrica, agua que sal a del grifo sin que te contagiara el tifus, l cteos sin fiebre de Malta, enfermedades cada vez m s f ciles de curar, revoluci n sexual, ambulatorios, consultorios, divorcio, aborto, p ldora anticonceptiva y un mont n de cine en colorCon una estructura temporal desordenada pero eficaz, en una tercera persona que bascula confortablemente y a menudo hacia la primera o la segunda, en una mezcla de ficci n y ensayo, l rico en ocasiones, profesoral en otras, desbordante, en algunos pasajes quiz s demasiado, Pecoraro sit a a Ivo Brandani, nost lgico, descre do, malhablado, despiadado, frente a su vida pasada en una jornada de espera en un aeropuerto el 29 de mayo de 2015, aniversario de la ca da del imperio bizantino Este hecho hist rico siempre se le hab a revelado a Ivo comouna consecuencia de una serie de decisiones y c lculos equivocados, de indecisiones y traiciones, de la prevalencia de intereses concretos del todo insignificantes sobre la gravedad de sus consecuencias , en un claro paralelismo con lo que siente que ha sido su vida, representativa de toda una generaci n, la suya, y, en general, de una trayectoria hist rica que, de no remediarse, nos abocar a todos al desastre como especie muy esclarecedor a este respecto es el trabajo que como ingeniero est llevando a cabo de forma secreta sustituyendo por corales artificiales los naturales enfermos a causa de la creciente contaminaci n de su h bitatNosotros, los organismos adaptados al Tiempo de Paz, mejor dicho, producto del Tiempo de Paz, no damos la vida por la patria, no sacrificamos nuestra existencia por una batalla civil, por un ideal pol tico los poqu simos que todav a lo hacen, en el fondo, son unos inadaptados He descubierto algo sobre m mismo soy un no h roe, un no valiente, un no dominador, alguien que no cree en nada, que nunca ha cre do en nada, ni siquiera cuando pensaba lo contrario Soy alguien que se conforma, alguien para el que no hay nada importante m s all de vivir en las mejores condiciones posiblesAl igual que esa ameba que desde el inicio de la novela sabemos que acabar con la vida del ingeniero Brandani, un par sito que hace su trabajo sin importarle cualquier otra circunstancia ajena a su espacio vital, tambi n un virus, mezcla de genes y primeras experiencias familiares, hab a estado haciendo su trabajo soterrado en el interior del protagonista desde que aparecieron los primeros s ntomas al decidir cambiar la te rica carrera de Filosof a por la m s pr ctica de Ingenier a Ahora, Ivo Brandini se mira en el espejo y ve lo que m s ha odiado siempre, la imagen de su padre, l, cuyo lema de muchos a os hab a sido un rabiosoYo no soy como vosotros, nunca me atrapar isBrandani sostiene, y yo lo secundo, que la vida en invierno no merece ser vivida, un invierno que no es solo una estaci n del a o y desde el que a ora los veranos de su ni ez y su primera juventud, llenos de sol, arena y mar, del todo por delante, el tiempo de los grandes descubrimientos, el amor, el sexo, que dio paso a la solidaridad con los amigos y compa eros, la pol tica, el todo por cambiar, las responsabilidades sociales y personales, las parejas, el trabajo, las derrotas, el abandono de los sue os, la aceptaci n de lo anta o inaceptable, la llegada del S ndrome de Irritabilidad Masculina, del deterioro inexorable, de las imprescindibles pastillas, el fin de la posibilidad de seducci n, del valor biol gico, el descubrimiento demasiado tarde de queEl orgullo es una forma devastadora de estupidez, capaz de llevarte a la ruina.Y aun as , le quedaba la isla, un refugioVienes aqu para observar las sombras que se alargan en las playas, vienes para aspirar el olor de la polvareda que levantan las r fagas de aire, por el aroma fort simo de la salvia Vienes aqu por el agua de Kandri al atardecer, cuando se pone violeta y est m s densa y caliente para ba arte, y parece que quiera retenerte Vienes aqu por la extenuaci n de este viento que retumba en los o dos todo el d a, por la soledad de las playas, por las siestas en la gruta de Opsi o a la sombra de la roca de Nati Vienes aqu por el olor de los bosques de pino carrasco que quedan despu s del Incendio, por la sombra violeta que, al caer la tarde, se torna espesa en las laderas de las monta as, por las nubes como inmensos trapos rojos que se extienden sobre el mar al amanecer, por todo aquello que la Isla ya no es, que t has conocido, visto y disfrutado, pero que ya no existe L ingegner Ivo Brandani sempre vissuto in tempo di pace Quando il libro comincia, ilmaggio , Ivo ha sessantanove anni, disilluso, arrabbiato, morbosamente attaccato alla vita Lavora per conto di una multinazionale a un progetto segreto e sconcertante, la ricostruzione in materiali sintetici della barriera corallina del Mar Rosso quella vera sta ndo per l inquinamento atmosfericoNel limbo sognante di un viaggio di ritorno dall Egitto, si ricompongono a ritroso le varie fasi della sua esistenza di piccolo borghese la decadenza profonda degli anni Duemila, i soprusi e le ipocrisie di un Paese travolto dal servilismo e dalla burocrazia, il sogno illusorio di un luogo incontaminato e incorruttibile, l Egeo E poi, ancora indietro nel tempo, le lotte studentesche degli anni Sessanta, la scoperta dell a e del sesso, fino ad arrivare al mondo barbarico del dopoguerra, in cui Brandani ha vissuto gli incubi e le sfide della prima infanzia Chirurgico e torrenziale, divagante e avvincente, La vita in tempo di pace racconta, dal punto di vista di un antieroe lucidissimo, la storia del nostro Paese e le contraddizioni della nostra borghesia le debolezze, le aspirazioni, gli slanci e le sporcizie, quel che ci illudevamo di essere e quel che alla fine, nostro malgrado, siamo diventati Lo valuto quattro stelle e mezza a mio giudizio gli manca ancora un qualcosina per arrivare a essere definito capolavoro e tuttavia gli devo riconoscere di avere il passo e il respiro e il peso specifico del vincitore per il torneo del miglior romanzo italiano degli anni duemila Ben costruito, strutturato su pi livelli di lettura oltre che pi livelli temporali scritto accuratamente di modo che prolissit e verbosit risultano essere punzecchianti ma non spiacevoli Non adatto per chi, vo Lo valuto quattro stelle e mezza a mio giudizio gli manca ancora un qualcosina per arrivare a essere definito capolavoro e tuttavia gli devo riconoscere di avere il passo e il respiro e il peso specifico del vincitore per il torneo del miglior romanzo italiano degli anni duemila Ben costruito, strutturato su pi livelli di lettura oltre che pi livelli temporali scritto accuratamente di modo che prolissit e verbosit risultano essere punzecchianti ma non spiacevoli Non adatto per chi, volendo guardare il mondo da un punto di vista strettamente femminista, non ha voglia n intenzione di calarsi nei panni di un uomo che il femminismo proprio non sa cosa sia nemmeno da lontano Non adatto nemmeno per chi, eccessivamente sensibile o forse anche solo un poco irritabile, non desidera vedere messa per iscritto una dovizia di dettagli di ci che accade in un gabinetto per l espletamento delle quotidiane funzioni corporee Eppure, vorrei etichettarlo a grandi lettere come lettura altamente consigliabile Insomma, una faccenda controversa All inizio non facile Il prologo manifesta una tendenza alla digressione e un certo autocompiacimento nel mostrare questa tendenza Il dilungarsi sui dettagli delle manie e delle fobie del protagonista, se da un lato non mi infastidisce per dall altro non mi subito chiaro quale ne sia l utilit all interno dell economia del romanzo Procedendo con un po di pazienza nella lettura, mentre trovo ulteriori conferme che il flusso di coscienza schietto e rapido ma non ermetico l elemento principale di questa costruzione, l impianto narrativo inizia a svelare la sua forma complessa e stratificata e non mi ci sento pi tanto disorientata il tono della narrazione inizia a piacermi e non mi pare pi cos tanto auto compiaciuto, e ammettendo a me stessa che la digestione di questa lettura non sar facile n immediata, si rende comunque implicita anche una ammissione di soddisfazione Il titolo paradossale perch nella vita del protagonista come in quella di tutta la popolazione del mondo occidentale della seconda met del novecento pur non essendoci coinvolgimento diretto in un conflitto, c tutto fuorch paceIl Tempo di Pace solo una guerra silenziosa di tutti contro tuttiC un analisi che va dal micro al macro si racconta la vita di un ingegnere deluso e disilluso rendendola la summa, l emblema di una buona parte della popolazione italiana della seconda met del novecento con la differenza che non tutti qua attorno in giro sono cos svelti ad analizzare i propri pensieri, le proprie sensazioni e il brodo in cui sguazzano quotidianamente Paradossalmente, la Guerra diventa quasi un elemento positivo perch il solo elemento che pu dare vita e significato alla Pace L aver vissuto di persona una guerra o pi di una cosa da invidiare a coloro che hanno vissuto nella prima met del secolo perch hanno avuto un elemento dirimente attorno al quale formare la propria identit , le proprie scelte, la vita tutta In fin dei conti non una novit nemmeno questa, mi ricordo di aver parlato delle stesse cose anche nel commento a Il tempo migliore della nostra vita di Scurati Il mantra ripetuto pi volteio non sono come lui come lei come lorouno dei temi principali, una delle caratteristiche dell italianit , io personalmente lo vedo come il lato inferiore della medaglia del lei non sa chi sono io Altro tema centrale la disillusione, delusione, i rimorsi e i collassi progettuali di una vita, il senso di colpa per tutta una vita sbagliata La vita di questo ingegnere non facile, come si diceva sopra una guerra ma una guerra contro i mulini a vento, e ha come compagni di avventura i sensi di colpa da un lato e l inesorabile dall altro Inesorabile inteso in tutti i modi possibili catastrofe, entropia, senso di sopraffazione e insostenibilit di un Dio o comunque di un Ente che sembra progettato apposta per maltrattare e distruggere l individuo e il suo mondo Si arriva a percepire persino il senso di nausea per l effetto dell accelerazione dell entropia cui sottoposto tutto il pianeta In questo ingegnere c un po di Rui S della Spiegazione degli uccelli di Antunes un po di Stoner stesso fallimento epico ma molto pi cinico e anche parecchio pi lucido c un pochettino ino ino anche di Adri Ardevol in Io confesso di Cabr per quanto i due abbiano modi diversissimi di approcciare dolore e delusioni, il senso di colpa e sopraffazione li accomuna E anche per quanto riguarda pi specificamente l Italia la Penisola c una spiegazione straordinariamente lucida di come il ritratto di questo paese sia in senso materiale che in senso figurato corrisponda al risultato di una colossale entropia La trama in sintesi Ingegnere romano settantenne, bloccato in aeroporto causa ritardo del suo volo la rilassatezza del non luogo e non tempo che la sala d attesa sar la scaturigine del flusso di ricordi e riflessioni Si forma cos il racconto di una vita per episodi salienti che all inizio si intuiscono essere in ordine non cronologico, e poi si scoprir essere proprio in ordine inverso, dai pi recenti fino ai pi lontani dell infanzia e dei primissimi ricordi Ogni episodio ripete press a poco il medesimo pattern che porta a ribadire il concetto della delusione disillusione Questo andare a ritroso non ha per il carattere della risalita, non tanto scalata quanto piuttosto discesa negli inferi del senso di inadeguatezza Raccontato un po in prima persona, un po in terza persona con una voce esterna onnisciente che risulta leggermente irrisoria irriverente nei confronti del protagonista, e un po in una terza persona che lui stesso, come sdoppiandosi, che si rivolge a s stesso Le ambientazioni sono tutte particolarmente apprezzabili la Citt di Dio con ogni evidenza Roma, la Citt di Mare a mio avviso poteva essere Napoli e invece nel gruppo sono pi arguti di me e si accorgono che Anzio , pi l arcipelago delle isole Greche Le ambientazioni sono funzionali ad un aspetto essenziale del personaggio oltre che ipocondriaco e soggetto ad attacchi di panico, anche meteoropatico di quelli come pure la sottoscritta, che in questo maggio cos autunnale soffre parecchio che hanno la sensazione di vivere veramente e potersi esprimere pienamente e liberamente solo con la bella stagione, e che durante l inverno si sentono in stand by il che non poi tanto surreale se si pensa che parecchie specie animali in inverno vanno direttamente in letargo La dovizia di dettagli cui accennavo sopra circa le funzioni corporee con tutti i relativi odori e umori, va in un modo tutto suo a sottolineare una assenza di poesia nel racconto e rimarcare le manie e fobie del protagonista Altra particolarit da notare il vezzo pseudo poetico, da parte dell autore, nel modo di appellare cose, luoghi e persone, mettendo la maiuscola ai nomi generici Madre, Padre, Sorella, Citt di Dio, Citt del Nord, e persino i Pioppi e i Lecci e i Pini sembrano uscire dalla foresta di Fangorn di Tolkieniana memoria All inizio questo vezzo mi pareva bellamente inutile, poi mi parso semplicemente come parodia di un mondo tolkieniano, infine ho capito che non una ridicolizzazione del fantasy bens un voluto effetto tragicomico qui non si intende fare nessuna rievocazione dei bei tempi andati, non ci sar nessun alone luminoso attorno a nessun personaggio, nessuna redenzione, solo collasso totale Ci sono tutti i temi pi classici l infanzia e i rapporti con i genitori, in particolare con un padre veramente kafkiano l adolescenza e il rapporto con il sesso i rapporti di coppia con i ricordi delle donne della sua vita mogli, amanti, incontri occasionali e in fin dei conti anche la madre e la nonna il genere femminile non ci fa una gran bella figura, ma bisogna riconoscere che certe osservazioni sono tanto pi vere e obiettive quanto pi acide e politically uncorrect Ed inoltre, di man in mano che si procede con la lettura ci si rende conto che se le donne non ci fanno una gran figura, per dirla tutta non c nemmeno di che incensare gli uomini, con il protagonista in primis c una ammissione pi o meno esplicita di come i pensieri e i comportamenti degli uomini siano fondamentalmente fallo centrici anche laddove apparentemente il sesso non c entra niente Quindi una bella dose di cinismo, uno a uno e palla al centro Sono tutti temi classicissimi ma diverso il come vengono affrontati vi sono pagine intrise di un pessimismo cosmico cos totalizzante che per il lettore pi sensibile potrebbero risultare destabilizzanti Vorrei tirare ulteriori conclusioni ma penso che pi in l del pessimismo cosmico ci siano solo i buchi neri E una lettura che rimane, e in cui nonostante o forse proprio grazie a i numerosiio non sono come voiil lettore finisce suo malgrado per riconoscersi in qualcosa e imparare qualcosa Forse non siamo pi abituati ad opere cos fluviali, specie se non di ruscelli si tratta ma di fiumi dal letto cos largo da trascinare con s persone e cose.Cose specialmente, perch La vita in tempo di pace soprattutto un libro di cose.E se i momenti meno felici del romanzo sono quelli in cui vengono rievocate le persone e i sentimenti che sono stati, tinti del velo di una nostalgia o anche di una rabbia un po di maniera, chi abbia il gusto dei manufatti e li veda come i segni pi belli d Forse non siamo pi abituati ad opere cos fluviali, specie se non di ruscelli si tratta ma di fiumi dal letto cos largo da trascinare con s persone e cose.Cose specialmente, perch La vita in tempo di pace soprattutto un libro di cose.E se i momenti meno felici del romanzo sono quelli in cui vengono rievocate le persone e i sentimenti che sono stati, tinti del velo di una nostalgia o anche di una rabbia un po di maniera, chi abbia il gusto dei manufatti e li veda come i segni pi belli del passaggio umano su questa terra, amer le descrizioni degli aerei e dei ponti, delle barche e delle reti E di un mare e di una Citt che anche in tempo di pace non hanno nulla di arcadico, ma traggono la loro peculiare bellezza dall essere fatti e persino oltraggiati o distrutti dall agire degli uomini La storia, insomma.Forse non siamo neanche pi abituati a un punto di vista cos schiettamente maschile, a un protagonista le cui personali mitologie sono tutte e solo virili, ma senza caricatura Speriamo che nessuna se ne senta offesa.Forse non siamo neanche pi abituati a un dire cos diretto, a un romanzo che non chiede di essere interpretato , che non sollecita il lettore a riempire con la sua immaginazione gli spazi del non detto o ad estrarre con la sua cultura un significato suggerito da una citazione.E se in qualche momento tutto ci appare un po noioso, si finisce per apprezzare il vecchio piacere di dare credito a uno scrittore che gioca pulito Un pane al pane e un vino al vino di cui si sentiva la mancanza.E forse non siamo neanche pi abituati a una lingua che non si conforma ai dettami dei minimalismi e o barocchismi in uso, ma che trova un energia tutta sua e che, se pure a tratti sbiadisce e si contenta di soluzioni un po facili, trova spessissimo accenti di rabbiosa e personalissima potenza.Non un romanzo perfetto, ma un inattesa e ottima lettura Un libro certamente interessante, con azzeccato spunto narrativo principale la ricostruzione artificiale di una bellezza naturale tipicamente post moderno, ed interessanti riflessioni su come siamo arrivati a ci , nonostante gli idealismi giovanili, anzi proprio a causa di questi ed alla loro realizzazione illusoria e sub specie consumistica.Peccato che l insieme sia disomogeneo e che alcune fasi della vita di Ivo Brandani si protraggano con narcisistica insistenza.Incomprensibile e non funz Un libro certamente interessante, con azzeccato spunto narrativo principale la ricostruzione artificiale di una bellezza naturale tipicamente post moderno, ed interessanti riflessioni su come siamo arrivati a ci , nonostante gli idealismi giovanili, anzi proprio a causa di questi ed alla loro realizzazione illusoria e sub specie consumistica.Peccato che l insieme sia disomogeneo e che alcune fasi della vita di Ivo Brandani si protraggano con narcisistica insistenza.Incomprensibile e non funzionale poi il vezzo di non chiamare certi oggetti con il loro nome Citt di dio invece di Roma, Peninsulari invece di Italiani.Per ripensandoci adesso e durante la lettura del suo ultimo libro, uno scrittore ricco ed i pregi superano di gran lunga i difetti Io non sono come loroQuesta la miope illusione che accompagna la giovinezza di Ivo Brandani, naufragata nell et adulta Questo libro mi ha suscitato pensieri contrastanti Non comune che un autore italiano contemporaneo racconti la vita di un uomo con una prospettiva cos ampia il protagonista, la sua famiglia, l Italia durante un intervallo temporale di 70 anni, l evoluzione involuzione del lavoro, le citt disastrate Ho molto apprezzato la consistenza dell argomento e inoltre l onest Io non sono come loroQuesta la miope illusione che accompagna la giovinezza di Ivo Brandani, naufragata nell et adulta Questo libro mi ha suscitato pensieri contrastanti Non comune che un autore italiano contemporaneo racconti la vita di un uomo con una prospettiva cos ampia il protagonista, la sua famiglia, l Italia durante un intervallo temporale di 70 anni, l evoluzione involuzione del lavoro, le citt disastrate Ho molto apprezzato la consistenza dell argomento e inoltre l onest intellettuale dell autore che chiaramente condivide le riflessioni di Brandani sul mondo contemporaneo.Ho trovato divertenti alcune delle monomanie di Brandani Costantinopoli, Spitfire, pensiero scientifico versus cultura letteraria, il senso del mare sono dei piccoli saggi incastonati nelle vicende del protagonista.Alcuni modi di dire hanno un sapore ironico la Citt di Dio, i peninsulari, il ponte ancestrale, fascistici.Brandani da giovane non mi piace affatto pauroso, attaccato alla gonna di mamm , stupidamente presuntuoso Io non sono come loro , incapace di avere un rapporto qualsiasi se non sessuale con le donne Invecchiando, la presunzione viene limata dagli eventi e Brandani diventa pi gradevole, ma, disincantato, sprofonda nella solitudine e in una certa autoindulgenza Addirittura riesce a guardare le ragazze sulle panchine dell aeroporto apprezzandone l aspetto senza fantasticare storie porno Ho pensato che gli avrebbe fatto bene una compagnia femminile per sarebbe necessario coltivare la conversazione, si sa che alle donne piace chiacchierare Cos di preciso questo libro Certamente una elaborazione dei cambiamenti sociali e politici degli ultimi settant anni in Italia, la rivisitazione di una famiglia borghese con madre dolce e Padre esigente e violento E anche il bilancio di un modello di uomo che ha investito tutto nel lavoro, senza molta soddisfazione, trascurando la possibilit di avere una vita relazionale soddisfacente Non so Come ho detto, un opera ambiziosa, che per mi risultata a tratti un po noiosa, avrei sfrondato un po Premessa avevo gi tentato la lettura di questo romanzo, ma l avevo abbandonato respinta da una mancanza di interesse per le prime pagine Poi, complice un torneo con successivo gdl su GR mi ci sono cimentata di nuovo E questa volta l ho terminato Parto dalla fine, mi ha lasciato spiazzata Da un lato mi piaciuto 4 stelle, sarebbero state 3,5 ma mi sembrava ingeneroso visto il deprimente panorama letterario italico , dall altro faccio fatica a riconoscergli un valore complessivo Mi sembr Premessa avevo gi tentato la lettura di questo romanzo, ma l avevo abbandonato respinta da una mancanza di interesse per le prime pagine Poi, complice un torneo con successivo gdl su GR mi ci sono cimentata di nuovo E questa volta l ho terminato Parto dalla fine, mi ha lasciato spiazzata Da un lato mi piaciuto 4 stelle, sarebbero state 3,5 ma mi sembrava ingeneroso visto il deprimente panorama letterario italico , dall altro faccio fatica a riconoscergli un valore complessivo Mi sembra pi una lunga e brillante invettiva contro l invecchiare inesorabile, l imbarbarimento sociale et dei costumi, lo sgretolarsi dell etica del fare, intervallata dalla narrazione delle tappe fondanti dell essere umano Ivo Brandani Imho, l invettiva prevale sulla narrazione anche se quest ultima ha dei momenti pregevoli In sintesi, il libro mi piaciuto anche con tutti i suoi limiti, anzi, forse proprio grazie ad alcuni dei suoi limiti , ma non mi invoglia a leggere altro dell autore Superate le prime 20 pagine di vermi e bagherozzi vari, la lettura scorre fluida a patto di non frammentarla con pause troppo lunghe, altrimenti l interesse per Ivo scema languidamente , con una brillantezza di invettiva e narrazione che purtroppo si sfilaccia col passare dei capitoli L escamotage di alternare capitoli dedicati al presente una attesa di ore nell aeroporto di Sharm el sheik con uno stile flusso di coscienza di problemi spesso connessi a flussi corporei del povero Ivo con flash back narrativi dedicati a presumo episodi fondanti la vita di Brandani, dopo qualche centinaio di pagine mostra la corda.La cornice narrativa sovrasta la scrittura, che pure generalmente di buon livello con una ricerca lessicale mai banale anche se ho notato un implementato riferito a una situazione dove strideva parecchio , e lo scheletro narrativo si fa percepire con troppa forza, e al tempo stesso non fa da filo conduttore tra gli elementi narrati i capitoli in flash back Ce li propone in sequenza ma non sono funzionali a fare la cosa per cui sono stati progettati , quindi non solo descrizione, ma anche e soprattutto funzione narrativa Un libro molto molto pensato Molto molto costruito E quando l ordito del libro si vede sotto trama non mi convince mai pienamente.La narrazione del lavoro che lo ha portato in Egitto, ovvero la costruzione di una finta barriera corallina, mostra tutti i tic compulsivi della nostra epoca sembra un progetto surreale ma oltremodo reale E l adesione del fattuale Brandani a un progetto cos ultra fake il nome della societ Fakenature perfetto definisce il suo livello di scoglionamento , e la sua completa resa Solo che non c un Ente, un Autorit a cui arrendersi Brandani si arrende e recede dall idea che aveva di s stesso O forse si arrende allo spirito dei tempi bel modo per definire le situazioni di merdaMettendo da parte questa mia idiosincrasia, ho apprezzato alcune parti e l abilit di P nella descrizione degli eco sistemi isole greche, barca a vela, strademunicipi di Roma, etc , oltre ad aver letto in quelle pagine una delle migliori e pi calzanti descrizioni della involuzione della Citt di Dio e dei suoi abitanti non potr pi guardare il colonnato di San Pietro senza pensare alle chele, cos come non potr pi guardare le cupole di Roma senza pensare a tante mongolfiere Il tema della bellezza come ragione di vita in s , che giustifica qualsiasi violenza venga perpetrata sulla citt e sui suoi abitanti a parer mio abbastanza consenzienti, ma non vorrei scatenare singolar tenzoni con cittadinididio proprio nella descrizione degli ecosistemi che Pecoraro riesce a svincolarsi per qualche pagina da un progressivo e ammorbante vittimismo ombelicale, che appesantisce anche con la ricorrenza di termini o circonlocuzioni che mi sono diventati odiosi ad ogni seno o corpo pastoso la mia dedizione di lettrice cala Purtroppo gli manca l ironia per farci sopravvivere al suo cupio dissolvi Un assenza aggravata dalla difficolt di tenere distinti Pecoraro e Brandani, perch a met lettura mi sembra viri sull auto fiction pi che sul romanzo ma non conoscendo minimamente la vita di Pecoraro, la mia sensazione priva di fondamento et perch P usaete nonemistero che non sono riuscita a sciogliere, le altre scelte linguistiche Madre, Padre, Sorella Maggiore, Citt di Dio, etc le inquadro nell economia dell insieme e non come vezzo letterario, ma questoetnon l ho proprio capito qui mi ritrovo con Brandani e la sua ammirazione per gli Spitfire o il ponte sul Fourth of Firth, oggetti non solo belli ma funzionali La grande bellezza di Sorrentino del 2013, e mi piacerebbe sapere se stata una concordanza di sentire, o se un tema dibattuto il problema della decadenza romana che vive la propria indiscussa bellezza pur se fatiscente come fattore risolutivo di ogni conflitto, a cui appellarsi per sopportare e giustificare l accettazione di qualsiasi nefandezza, sociale politica economica la coprolalia brandanesca mi ha un po assuefatto all uso di termini similari Quel momento a poche pagine dalla fine in cui ho capito e quando dico ho capito intendo dire che per me cos , ma che non detto sia stato cos anche per Francesco Pecoraro n glielo domander , conservando cos la convinzione che lo sia che la struttura del romanzo, che gi avevo identificato come una doppia spirale, un elica , altro non che quella del DNA la molecola che detiene le informazioni genetiche ed ereditarie dell individuo tutto quello che un uomo continua Quel momento a poche pagine dalla fine in cui ho capito e quando dico ho capito intendo dire che per me cos , ma che non detto sia stato cos anche per Francesco Pecoraro n glielo domander , conservando cos la convinzione che lo sia che la struttura del romanzo, che gi avevo identificato come una doppia spirale, un elica , altro non che quella del DNA la molecola che detiene le informazioni genetiche ed ereditarie dell individuo tutto quello che un uomo continua Scrissi di l il 4 Marzo 2017, sabato, a mezzogiornoSe Freud non ci fosse stato non avremmo letto Lettera al padre e nemmeno di Gregor Samsa forse Hans Castorp non sarebbe venuto alla luce e ci saremmo persi anche Alexander Portnoy e, fatte le debite proporzioni, mai ci saremmo imbattuti in Ivo Brandani, il romano settantenne che ripensa a tutta la sua vita, nel breve lasso di tempo che va da dall attesa del suo aereo nel terminal di Citt del Cairo all arrivo alla citt di Dio Con un ammin Scrissi di l il 4 Marzo 2017, sabato, a mezzogiornoSe Freud non ci fosse stato non avremmo letto Lettera al padre e nemmeno di Gregor Samsa forse Hans Castorp non sarebbe venuto alla luce e ci saremmo persi anche Alexander Portnoy e, fatte le debite proporzioni, mai ci saremmo imbattuti in Ivo Brandani, il romano settantenne che ripensa a tutta la sua vita, nel breve lasso di tempo che va da dall attesa del suo aereo nel terminal di Citt del Cairo all arrivo alla citt di Dio Con un amminchiamento imbarazzante sulla figura paterna come se ci fossero stati solo loro due al mondo.Ma solo Freud non basterebbe a spiegare il rewiew della sua vita in tempo di pace senza lo zampino della Naegleria fowleri una fottutissima ameba dal nome ammaliante che, annidatasi tra le sue circonvoluzioni cerebrali sulle spiagge di Sharm el Sheikh, clicca su invio del link memoria e voil una vita che pu essere quella di un comune sessanta settantenne ma non quella delle generazioni pi giovani il lungo romanzo ha infatti il respiro corto delle rimembranze dell anziano e tutt al pi riguardano i suoi coetanei o quasi Ecco infanzia nello stesso dopoguerra anno pi anno meno lui con qualche corpo a corpo per strada, io con qualche ceffone ben assestato sulle guanciotte di qualche compagna adolescenza, rigorosamente nel tempo d estate vero tempo della vita dei quattordicenni o gi di l condannati sui banchi per nove mesi pieni, estate sospesa tra Una rotonda sul mare e Stessa spiaggia stesso mare giovinezza tra scioperi, cortei, collettivi e occupazioni in cui i porcoddio si sprecavano e solo ora grazie Pecoraro so essere il distintivo dei capi, mentre i gregari si limitavamo a cazzo, se marxisti leninisti, e minchia se troskisti stesso disagio per la propria ignoranza di teoria politica e voglia di inclusione e di socializzazione lo sentii dire, stupita, in un mini collettivo stesso rifiuto per il placido mare degli italici studi classici e voglia di procellose acque scientifiche da cui approdare nelle terre sicure della tecnologia applicata a cose o a organi umani sfuggendo al destino il mio di diventare prof di bellezze defunte per poi pentircene cinquant anni dopo stessi viaggi, effettuati o sognati ma lontano dalla in civilt stessi amori eterni della durata di settimane.Tutto potrei sottoscrivere pi o meno ma non il Padre, che ci fu ma che oltre a lasciarmi in eredit colore e forma degli occhi, capelli lisci, zigomi sporgenti, arcata dentaria e la pulsione al braccino corto, non mi pare che abbia influito pi di tanto sulle mie scelte e sulla mia vita mentre tutto devo, nel bene e nel male, a quel lasso di tempo che va dai sei ai vent anni in cui mi staccai dal tavolo di cucina e misi piede fuori autonomamente allora andavamo a scuola da soli altro che accompagnamento in suv Oneri e onori sono tutti i miei Io avrei scritto la mia vita cos , come lui Non so Quel mondo cos come lo descrive puoi trovarlo negli spezzoni di filmati su youtube ma fu anche altro che i taratat non possono dire E Sicuramente avrei risparmiato sui in puntini di sospensione l ho detto sono di corto braccino Non amo le invettive Eppure, il romanzo mi moderatamente piaciuto Ovvero Pecoraro mi ha convinto con un personaggio che non sopporterei nella vita reale In fondo non conta soltanto se i personaggi siano eroi o vigliacchi, infidi o sinceri, sconfitti o vincitori, specie se la struttura del romanzo cos interessante L alternanza studiata da Pecoraro crea un confronto dialettico tra il vecchio Brandani sconfitto e i Brandani precedenti una versione alternativa di Christmas Carol di Dicken Non amo le invettive Eppure, il romanzo mi moderatamente piaciuto Ovvero Pecoraro mi ha convinto con un personaggio che non sopporterei nella vita reale In fondo non conta soltanto se i personaggi siano eroi o vigliacchi, infidi o sinceri, sconfitti o vincitori, specie se la struttura del romanzo cos interessante L alternanza studiata da Pecoraro crea un confronto dialettico tra il vecchio Brandani sconfitto e i Brandani precedenti una versione alternativa di Christmas Carol di Dickens.A tratti l invettiva del vecchio Brandani mi annoiava, per il giudizio generale positivo


About the Author: Francesco Pecoraro

Francesco Pecoraro uno scrittore e poeta italiano Architetto e urbanista a 62 anni pubblica la raccolta di racconti Dove credi di andare, che si aggiudica il Premio Napoli.Con La vita in tempo di pace si aggiudica il Premio Viareggio.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *